Il giusto modo per invecchiare bene

Invecchiare bene: che cosa signifca?

Si leggono molto spesso articoli che suggeriscono metodi e strategie per riuscire ad invecchiare bene. Quali sono però le condizioni che favoriscono l’impresa? Cosa significa riuscire ad affrontare al meglio una fase delicata della vita come quella della terza età?

Invecchiare bene è possibile a condizione di essere disponibili a prendersi cura di sé in modo globale: sul piano fisico, psichico, emotivo, spirituale, sociale e relazionale. Questo non è sempre semplice.

Invecchiare bene dal punto di vista fisico

Il benessere fisico è determinante per riuscire ad “invecchiare bene”. Rimanere attivi, fare un po’ di moto ogni giorno, restare motivati, avere un buon stile alimentare. Sane abitudini, e buoni propositi. Non sempre facili da mantenere.

Esistono naturalmente aspetti non “direttamente” connessi alle proprie scelte o alla propria volontà. La presenza di possibile patologie organiche o di condizioni fisiche particolari può condizionare sensibilmente lo stato di benessere generale. È uno degli argomenti a favore della prevenzione. Il modo in cui si entra nella fase senile è correlato con lo stile di vita, le abitudini e la filosofia di vita che ci hanno accompagnato nel corso dell’esistenza.

Invecchiare bene dal punto di vista psichico ed emotivo

Sul piano psichico ed emotivo gli equilibri sono particolarmente delicati

Quello delle emozioni è un mondo assai complesso e soggetto a fluttuazioni e cambiamenti repentini ed inaspettati. Come già considerato in un precedente articolo, la dimensione emotiva a questa età viene messa alla prova da specifiche esperienze connesse alla perdita e al lutto:

  • la morte di persone care;
  • la fine della fase “produttiva” della vita e l’ingresso nell’età della “pensione”;
  • l’avvento di una possibile precarietà economica non sperimentata in precedenza;
  • la perdita del proprio vigore fisico;
  • la riduzione dell’’autonomia.

L’incontro con queste dimensioni dell’esistenza può generare angoscia, paura, isolamento. Condurre talvolta alla depressione. È importante arrivare preparati a queste svolte cruciali e a questi passaggi evolutivi. Organizzarsi per tempo. Non farsi prendere alla sprovvista. Saper chiedere aiuto in caso di necessità.

Invecchiare bene dal punto di vista sociale e relazionale

La rete sociale e la presenza o meno di relazioni su cui poter contare durante la terza età risulta essere determinante per poter “invecchiare bene”.

Sono purtroppo molte le persone anziane che si ritrovano sole. Questo incide pesantemente sul senso di benessere globale. Una rete di supporto permette di condividere i propri vissuti, parlare delle proprie esperienze -presenti e passate- mantenere accesi i sentimenti e sentire di poter ancora contare sulla vicinanza affettiva ed emotiva di altri esseri umani.

La famiglia o la rete amicale può fare davvero la differenza nel modo in cui la persona anziana percepisce il proprio ruolo e il proprio valore all’interno della rete sociale.


Invecchiare bene. Un’operazione complessa, ma possibile.

Invecchiare bene è un’operazione complessa. Servono un aiuto da parte della propria volontà, della rete familiare, amicale, e sociale. Serve un po’ di buona sorte. Le variabili sono molte. La missione non semplice. Ma possibile.

A cura di Adriano Legacci e Anna Galtarossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.